L'inganno - Marlene Kuntz

Ti avvicinasti piano
col pathos di un notturno:
sotto il sole un pieno di gente,
ma si fece buio presto intorno.

E avvinti e immemori ci baciammo; e poi...
qual ghigno ingener? l'inganno!

Te ne andasti come fumo
in fosforescenti spire,
ma non c'era pi? nessuno attorno,
al risveglio della luce. E infine

avvinto e immemore mi addormentai.
Ma quante risa, poi, gi? nel sonno!

view 4,578 times

comments